Una vittoria voluta, cercata e inseguita fino alla fine, con il coraggio e la voglia di stupire che solo un grande gruppo sa mettere sul campo. Anche sapendo che potrebbe alla fine vedersi sfuggire tutto di mano, anche quel pareggio appena raggiunto. “Abbiamo messo in campo il portiere di movimento per cercare il pari – commenta Mino Paoletti, in panchina insieme a Fabinho per sostituire il febbricitante Hugo de Jesus – poi, una volta segnato il 3-3, la scelta di continuare a provarci è stata dei ragazzi. Hanno deciso tutti insieme di sfruttare l’onda dell’entusiasmo per andare a vincerla. Ci siamo guardati negli occhi in panchina durante il time out e ci siamo detti di provarci fino alla fine”.

Tre punti importanti, quindi, per la classifica ma soprattutto per il morale visto come sono arrivati e anche una piccola grande soddisfazione per l’inedito duo Fabinho-Paoletti. “Esordire così direi non è proprio male – scherza Paoletti – ma è tutto merito della squadra che ha dimostrato il solito cuore, qualcosa per cui però dobbiamo dire grazie ovviamente a mister De Jesus. Giusto quindi condividere la gioia di questa vittoria con tutti i ragazzi, questa è una vittoria di campo, di squadra e di spogliatoio. E ci godiamo la soddisfazione di vincere una partita così, contro un avversario ostico , che ci ha messo in grande difficoltà come ogni singola volta che lo incontriamo, però penso che alla fine nel complesso questa sia stata una vittoria meritata”.