fbpx

Davide Vignolo, “The voice”, è uno dei giocatori più benvoluti da tutti dentro e fuori lo spogliatoio, sia per la grande serietà che mette in ogni suo momento dentro e fuori dal campo, sia per la capacità di fare gruppo. Con lui iniziamo un percorso fatto per reincontrare i confermatissimi del roster di Sampdoria Futsal per la stagione 2020/2021.

La carta d’identità
Età: 33 anni
Ruolo: portiere e voce ufficiale di Sampdoria Futsal

Ciao Davide e benvenuto ufficialmente in Sampdoria Futsal. So che sei tra i più conosciuti da tifosi e addetti ai lavori ma, come per gli altri, iniziamo questa intervista dandoti un po’ di spazio per una presentazione…
Beh, sono Davide Vignolo, ruolo terzo portiere della squadra nonché speaker ufficiale delle dirette di molte partite casalinghe della CDM finora e della Samp nel prossimo futuro…

Finite le presentazioni, come arrivi al futsal?
Inizialmente io giocavo a pallanuoto (da buon ligure di levante doc…), poi grazie a Michele Costa sono arrivato nella Tigullio di Stefano Pinto,che, a sua volta, mi ha portato alla CDM e che colgo anche l’occasione per ringraziare ancora una volta. Da lì in poi la storia la conoscete: 5 stagioni e davvero tantissimi bei momenti.

Questa storia della voce ufficiale delle dirette Cdm, come nasce? Una semplice passione per il microfono o qualcosa di più? Te lo chiedo perché ho incontrato davvero tante persone che apprezzano sinceramente le tue dirette
Sono da sempre appassionato di podcast e stand up comedy, avevo un podcast, 1km di niente e da lì mi son buttato nel raccontare le partite, anche se devo lavorarci su ancora molto.

Può essere, ma obiettivamente devo dire che in molti apprezzano il tuo tono e la tua sportività sincera
Ti ringrazio, ne sono felice

Come vedi il tuo futuro in Sampdoria Futsal?
Un giorno spero di allenare, non solo i portieri, perché sento che è quello il mio destino. La CDM mi ha fatto sentire importante, dentro vi sono persone, non solo atleti e quindi spero che un domani possa continuare questo viaggio insieme.

So che all’interno dello spogliatoio nascono amicizie speciali…
CI vogliamo davvero tutti bene, ma la persona senza la quale non avrei la voglia di venire al campo è Yuri Pozzo, amico fraterno e persona con cui è nato un legame profondo e intimo dentro e fuori da campo, con cui ci facciamo da chioccia in palestra come nella vita. Per me vale davvero tanto e credo di essere stato fortunato a incontrarlo nel mio cammino.

A proposito di portieri, quali sono quelli che apprezzi di più?
Mi sono sempre piaciuti Kahn e Casillas, a 5 mi fa sballare Di Ponto.

Grazie Davide e a presto, sul campo e davanti ad un microfono!